venerdì 26 ottobre 2007

Electronic Beowulf

"L'elmo della notte si abbuiò, tenebroso, sulla testa dei cortigiani"

Electronic Beowulf (da UKy.edu)
Beowulf: "Mostri notturni che aggrediscono e terrorizzano; re e popoli scandinavi del V-VI secolo con le loro storie di faide e le istituzioni e i riti e le forme poetiche delle loro bellicose società; un guerriero di eccezionale forza e saggezza di cui vengono raccontate le imprese terminali dell'apprendistato giovanile e della vecchiaia di re: questo è il Beowulf, poema antico inglese contenuto in un manoscritto del 1000 circa. Le sue vicende eroico-teratologiche si svolgono tra sale rilucenti, misteriosi specchi d'acqua, scogliere, tumuli preistorici; il suo racconto apre squarci di lunga portata nel passato e nel futuro, mentre nella seconda parte si modula in elegia sulla labilità esistenziale e storica di individui, stirpi, nazioni. Opera di difficile datazione (tra il 700 e il 1000), il Beowulf è anche un testo reso incerto da guasti del manoscritto e da oscurità linguistiche e narrative." (Carocci, 2003)
Resource for the Study of Beowulf (da LibraryUNR)
Beowulf (da BL.uk)
Beowulf (Beowulf) il film di Robert Zemeckis (2007)

1 commento:

bamborino ha detto...

Lascio qui un link al nostro blog, che oggi ha fatto un post su Beowulf, casomai che può interessare. Un saluto a tutti.
http://bamborino-imbuto.blogspot.com.